Ci sono 36 utenti on line!


Gli italiani scelgono uno stile di vita sostenibile
Mercoledì 20 Maggio 2020
Eleonora Truzzi

stile-di-vita-sostenibileNel 2019 il consumo sostenibile è stato percepito dagli italiani come un tema fondamentale. Questo si è amplificato nel corso del 2020. 

La popolazione si sente sempre più coinvolta dalla situazione ambientale e si sta muovendo velocemente verso un consumo critico, questo perché si è resa conto che le proprie abitudini sono in grado di influenzare in un senso o nell’altro la condizione climatica mondiale.

Un radicale cambio di mentalità
Ad attestare questo cambio di corrente positivo è il 5° Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile redatto da Life Gate. La ricerca ha come obiettivo quello di mostrare il coinvolgimento degli italiani e il loro approccio nei confronti dei diversi settori dell’economia. I casi presi in esame sono stati 800 ed è emerso che il 67% degli italiani si sente coinvolto nei confronti della sostenibilità. Di chi stiamo parlando? Principalmente della fascia d’età che va da 35 a 54, comprendente delle persone professionalmente attive in cui la parte femminile sembra prevalere su quella maschile.

stile-di-vita-sostenibile

Un po’ di dati sullo stile di vita sostenibile
I concetti di biologico e di riutilizzo sono i temi principali di uno stile di vita più consapevole. Il 24% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare abbigliamento naturale e sostenibile, virando i propri acquisti su scelte che scartano il mondo della fast fashion. Questo, unitamente ad altri dati relativi alla riduzione dei rifiuti e ad abitudini più sane, dimostra che l’atteggiamento nei confronti della salute ambientale continua a crescere in senso positivo. Il dato più importante di tutti è il fatto che il 91% degli intervistati ha dichiarato di aver scelto questo stile di vita perché si sente responsabile nei confronti delle generazioni future. Ridurre i consumi, favorire il riutilizzo e sviluppare delle abitudini genuine è il modo migliore per lasciare in eredità un mondo vitale e rigoglioso ai propri figli.


Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!




Ciò che fino a oggi ha limitato la vendita dell’usato è stato un problema di percezione.
Quando una persona va al ristorante non si pone la questione se il piatto in cui mangia sia stato utilizzato da qualcun altro.
Eppure se lo chiede quando acquista un abito o un mobile di seconda mano.
Ma è palpabile l’evoluzione verso questo nuovo stile di vita.
Alessandro Giuliani
su Il Salvagente