Ci sono 1 utenti on line!


Mercatopoli Genola: la nuova apertura in Piemonte
Mercoledì 05 Giugno 2019

Apri l’armadio e il tuo sguardo si sofferma su quel vestito. Di nuovo. L’hai acquistato per un’occasione importante ma non sei più riuscita ad indossarlo. Che peccato, è così bello che non merita di rimanere sul fondo di un armadio..

Per dare una nuova vita ai tuoi oggetti più cari oggi puoi decidere portarli al nuovo Mercatopoli nato a Genola, in provincia di Cuneo. Un negozio dell’usato che può ospitare abbigliamento, mobili, elettronica e tantissimo altro ancora..

Un ambiente accogliente per ciò che ti è più caro

Il nuovo Mercatopoli Genola è caratterizzato da uno showroom ampio e luminoso, all’interno del quale un team di persone qualificate è pronto a prendersi cura dei tuoi oggetti per venderli a chi sta cercando un’occasione..

Pochi semplici passi

Per poter vendere i tuoi oggetti a Mercatopoli di Genola devi solo assicurarti che siano in buono stato e adatti aòlla stagionalità in corso. Il sistema di vendita del negozio è basato sul cosiddetto contovendita, ossia affidi la tua merce affinché venga venduta, rimanendo comunque proprietario fino al momento in cui verrà effettivamente acquistata dal cliente finale. Ma non finisce qui! Con lo shop online avrai addirittura la possibilità di veder arrivare i tuoi oggetti su tutto il territorio italiano.

Controlla le vendite da casa

Nel momento in cui deciderai di vendere qualcosa tramite Mercatopoli, ti verrà consegnata la card personale che ti sarà utile per accedere all’area riservata My Mercatopoli. Questa ti consentirà di gestire comodamente da casa il tuo account e tenere sotto controllo ogni fase della vendita.

Cosa succede alla fine?

Nel caso in cui i tuoi oggetti vengano effettivamente venduti, avrai diritto al 50% del prezzo che ti verrà riconosciuto in contanti. Ciò che non viene venduto, invece, è destinato ad essere donato in beneficenza, a meno che tu non decida di riportarlo a casa con te.

vai a scoprire il nuovo Mercatopoli Genola!


Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!




Ciò che fino a oggi ha limitato la vendita dell’usato è stato un problema di percezione.
Quando una persona va al ristorante non si pone la questione se il piatto in cui mangia sia stato utilizzato da qualcun altro.
Eppure se lo chiede quando acquista un abito o un mobile di seconda mano.
Ma è palpabile l’evoluzione verso questo nuovo stile di vita.
Alessandro Giuliani
su Il Salvagente