Ci sono 1 utenti on line!


Usato all'aperto: quali mercatini visitare d'estate?
Mercoledì 09 Maggio 2018
Giulia Giarola

mercatini-usato-estate-2018Fiere e mercatini dell’usato sono una delle passioni italiane: d’estate ce ne sono più di 40 mila con le bancarelle posizionate sotto un portico, una villa, nelle piazze. Raccontano tradizioni, storie passate, ma anche un’attuale ricerca di risparmio e riutilizzo dei beni.

Per scoprirli tutti possiamo affidarci alla guida di Assunta Corbo, giornalista, blogger e autrice del libro “1001 mercatini in Italia da vedere almeno una volta nella vita” (Newton Compton).

Si potrebbe scrivere la storia d’Italia solo passeggiando tra i banchi del mercato” racconta Corbo “Durante il mio tour ho riscoperto molto della nostra cultura. Un mercatino dell’antiquariato di Milano è completamente diverso da uno di Napoli. Poi ci sono i mercati rionali, spaccati di vita e di storia, e quelli digitali, che raggruppano visitatori specializzati che contrattano online. Ma il mercato in piazza resta sempre un viaggio sensoriale, che vale la pena intraprendere fisicamente.”

Quali sono i mercatini che vale la pena vedere durante l’estate? Ne abbiamo raccolti 11 molto significativi in varie località d’Italia.  

PULCI, USATO E VINTAGE

Veneto, Brugine (PD). Mercatino dell’usato di Brugine
Sui prati della cinquecentesca Villa Roberti, è tra i più antichi del Veneto. S’ispira al londinese Portobello e ai marchés aux puces parigini. Diviso in due parti: antiquariato e mercato delle pulci. Capi firmati anni Ottanta a due euro, scarpe anni Sessanta. Prima domenica del mese, Villa Roberti. 

mercatino-usato-brugine-veneto

Emilia Romagna, Spilamberto. Mercatino dell’usato
Si può comprare e vendere di tutto, dall’abbigliamento agli oggetti di design. Tra le rarità, Radio Phonola e Brionvega Doney perfettamente funzionanti. Tutti i giorni, via Pilamiglio 9 Spilamberto.

Toscana, Pontremoli. Car Boot Sale
Lo scopo di chi partecipa è quello di liberare casa, soffitta e cantina da ciò che viene conservato perché “ancora buono” ma che non viene usato magari da vent’anni: allora si carica tutto in macchina e si espone al Car Boot Sale in cerca di un nuovo proprietario. Ogni quarta domenica del mese.

Campania, Resina. Mercatino di Resina
Nato durante la seconda guerra mondiale come spaccio delle cosiddette “pezze americane”. Si trovano vestiti, abiti da sposa, jeans anni Settanta, abiti firmati, scarpe. I costumisti di Cinecittà qui hanno trovato gli abiti per le scene dei film “I cento passi” e “La meglio gioventù”. Tutte le mattine, anche domenica, Traversa Mercato, via Pugliano, Ercolano.

Sicilia, Palermo. Mercato delle pulci di Papireto
Mobili, vetri dipinti di tradizione popolare, pezzi dei primi decenni del secolo scorso, niente a che vedere con il modernariato, come sostengono i rigattieri Filippo Ienna e Antonio Guilino, tra i fondatori del mercato. Con oggetti trovati qui hanno arredato le loro case nobili e intellettuali come Enzo Sellerio. La leggenda racconta che qui fu scovato anche un van Dyck. Tutti i giorni, piazza Peranni.

ANTIQUARIATO E COLLEZIONISMO

Lombardia, Sabbioneta. Mostra piccolo antiquariato di Sabbioneta
Vale la pena venire in questo borgo protetto dall’Unesco, per incontrare il più bizzarro degli antiquari, il conte Michelangelo Moretti. Si sceglie i clienti per strada, propone antichità e rarità che hanno conquistato, tra gli altri, Vittorio Sgarbi, Romano Prodi, Luca Cordero di Montezemolo. Tra i pezzi più originali, vecchi listini di case chiuse, ritratti di avi, cassapanche che nascondono un gabinetto. Prima domenica del mese, nel centro storico (escluso gennaio e agosto).

Toscana, Arezzo. Fiera antiquaria
Nata nel 1968 per iniziativa dell’antiquario e collezionista Ivan Bruschi, è stata la prima manifestazione antiquaria con cadenza mensile regolare. Mobili, vetri, ceramiche, stampe, dipinti. Da non perdere, sotto le Logge del Vasari, l’esposizione di macchine fotografiche antiche con obiettivi professionali. Ogni prima domenica del mese e sabato precedente.

LIBRI E FUMETTI

Lombardia, Castel Goffredo, Libri sotto i portici
Centocinquanta bancarelle danno vita a un mercato di libri tra i più grandi in Italia, a 15 minuti dal castello di Desenzano sul Garda. Si va a caccia di rarità, titoli fuori catalogo, prime edizioni, libri d’arte, fumetti d’epoca, riviste e vecchi vinili. Prima domenica del mese, nel centro storico (escluso gennaio e agosto). 

libri-sotto-i-portici

Emilia Romagna, Rimini. Riminicomix
Mostra mercato del fumetto di Cartoon club, occasione per acquistare rarità per collezionisti, albi quasi introvabili, fumetti giapponesi, Dvd, figurine e cd. Incontri con gli autori, laboratori, performance dal vivo di disegnatori e la Cosplay, convention con sfilate e competizioni per i più bei costumi ispirati ai personaggi di fumetti e cartoni animati, realizzati a mano dai fan. Dal 19 al 22 luglio, piazzale Federico Fellini, Rimini Marina Centro. 

Umbria, Città di Castello. Mostra Mercato Nazionale del libro antico
L’iniziativa è nata dal prestigio tipografico di Città di Castello, dove già nel 1518 arrivarono i primi stampatori ambulanti. Una quarantina di librerie antiquarie italiane e straniere attirano chi è alla ricerca di libri figurati, stampe antiche, incunaboli, cinquecentine, con preziose rilegature d’epoca. Primo weekend di settembre, Loggiato Gildoni.

Lazio, Roma. Mercato delle stampe
Vecchi libri, antiquariato autentico, incisioni, riviste, filatelia. Si possono trovare rare stampe di Piranesi con gli scorci della città eterna, ma serve una buona capacità di contrattazione. Da lunedì a sabato, Largo della Fontanella Borghese.

Fonte: L'Espresso, Repubblica


Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!




Ciò che fino a oggi ha limitato la vendita dell’usato è stato un problema di percezione.
Quando una persona va al ristorante non si pone la questione se il piatto in cui mangia sia stato utilizzato da qualcun altro.
Eppure se lo chiede quando acquista un abito o un mobile di seconda mano.
Ma è palpabile l’evoluzione verso questo nuovo stile di vita.
Alessandro Giuliani
su Il Salvagente