Ci sono 13 utenti on line!


Mercatini o Internet: dove vendere il tuo usato?
Giulia GiarolaNews
Mercoledì 19 Ottobre 2016

Tutti in casa abbiamo un grande potenziale con un certo valore: l'usato. Negli anni è inevitabile accumulare oggetti di ogni tipo e molti di questi finiscono per restare inutilizzati, nella vana speranza che un giorno possano servire. E in effetti potrebbero averlo uno scopo decisamente più utile, se solo venissero venduti.

Alcuni esempi di usato che ci ostiniamo a tenere? Abiti che ci non piacciono più o che non ci stanno più bene ma ai quali siamo legati, regali non graditi che conserviamo per non sentirci in colpa, l'ennesimo servizio di piatti ereditato dai parenti, accessori di moda che usiamo due volte l'anno, elettrodomestici che ci complicano la vita invece di semplificarla, e così via. La lista è davvero lunga e le nostre case sono sempre più piccole.

Okay, è arrivato il momento di liberarsi del superfluo, di dargli una nuova vita trovandogli un altro proprietario. Ma dove si vende l'usato? A quali canali è meglio rivolgersi? In questi ultimi anni sono spuntati ovunque mercatini dedicati agli oggetti di seconda mano, e si sono moltiplicati i siti web di compravendita di merce usata. Vediamo subito un po' di caratteristiche per ognuno, giusto per capire qual è l'opzione che più si avvicina alle nostre necessità.

Perché vendere usato su Internet

Può essere un metodo veloce, con alte probabilità di vendita e il modo migliore per guadagnare più soldi. Basta mettere un annuncio online ed è possibile vendere ottenendo il ricavo desiderato. Attenzione però, perché per farlo non basta avere un computer, se si vuole avere successo ecco cosa si deve fare:

  • Prima di tutto è necessario scegliere il portale giusto con molti iscritti per avere più visibilità.
  • Poi bisogna creare un'inserzione efficace con un testo accattivante e foto di qualità. Una descrizione povera e immagini sfuocate non saranno certo un aiuto nella vendita... anzi.  
  • E non dimentichiamoci che sul web dobbiamo occuparci in prima persona di tutti gli aspetti della vendita. Dare il prezzo corretto agli oggetti, contrattare con chi è interessato, pianificare eventuali appuntamenti, spedire la merce e mettere in conto di poter perdere la vendita se l'acquirente ha un ripensamento. 
  • Attenzione alle truffe: sul web, dietro lo schermo di un computer, è facile incappare in qualche truffatore, quindi è bene imparare subito come muoversi a riguardo, ad esempio stando attenti a offerte troppo generose e metodi di pagamento non affidabili.
  • Inoltre ci vuole qualche accortezza per riuscire ad ottenere un buon guadagno: i siti migliori applicano sempre una commissione su ogni vendita, ed è importante scegliere un corriere per la spedizione che sia rapido, professionale e allo stesso tempo economico.

Vendere usato su Internet, quindi, è efficace e veloce soprattutto per chi ha dimestichezza con il mondo del web e il tempo necessario per gestire l'intera situazione.

Perché vendere grazie ai mercatini dell'usato

I mercatini dell'usato hanno subìto un cambiamento radicale negli ultimi anni: scordiamoci dei rigattieri di una volta, con merce scadente, rovinata e praticamente invendibile. Oggi i mercatini sono diventati luoghi puliti, spaziosi e ordinati, attenti alla cura e alla selezione degli oggetti, con uno staff sempre più preparato e professionale.

Vendere usato grazie ad un mercatino vuol dire guadagnare meno rispetto ad una vendita sul web, ma in fondo neanche così tanto se contiamo gli aspetti elencati prima. Il guadagno è inferiore perché naturalmente al negozio spetta il 50% del prezzo stabilito, in compenso però i vantaggi sono molti e potrebbe valerne la pena. Scopriamoli subito:

  • Sicurezza e trasparenza: recarsi in un mercatino dell'usato per la vendita dei propri articoli significa mettersi nelle mani di professionisti che sanno valutare gli oggetti dandogli il prezzo migliore e valorizzarli con un'esposizione accurata. Sono loro ad interfacciarsi direttamente con i clienti interessati, e anche per questo il rischio di truffe è ridotto a zero.
  • Nessuna perdita di tempo: una volta portati gli oggetti in negozio sarà il personale ad occuparsi di qualsiasi cosa e ad avvisare della vendita avvenuta. Niente più contrattazioni, ricerca del corriere e ore spese sul web.
  • Il “tocca con mano”: è una delle operazioni di cui il web ci priva... il fatto di poter vedere di persona e toccare con le nostre mani ciò che compriamo. Vendere in un mercatino dell'usato vuol dire dare la possibilità agli acquirenti di guardare fisicamente i prodotti. In questo modo uno capisce al volo se gli piace oppure no, aumentando la velocità della vendita. E, cosa ancora più importante, non siamo più obbligati ad accogliere in casa qualche estraneo per mostrare la merce.

Vendere l'usato in un mercatino di seconda mano, dunque, è il metodo migliore per chi cerca controllo e sicurezza, per chi non ha molto tempo per gestire la vendita del proprio usato e preferisce affidare la merce ad un luogo fisico comodo ed organizzato.


Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!




Ciò che fino a oggi ha limitato la vendita dell’usato è stato un problema di percezione.
Quando una persona va al ristorante non si pone la questione se il piatto in cui mangia sia stato utilizzato da qualcun altro.
Eppure se lo chiede quando acquista un abito o un mobile di seconda mano.
Ma è palpabile l’evoluzione verso questo nuovo stile di vita.
Alessandro Giuliani
su Il Salvagente