Ci sono 21 utenti on line!


Usato Camp: lunedì 23 marzo a Roma!
Giulia GiarolaNews
Mercoledì 18 Marzo 2015

Il 23 marzo Roma ospita un evento nazionale di grande rilievo: Usato Camp. Di cosa si tratta? Sarà una manifestazione che coinvolgerà tutti i negozi dell'usato d'Italia organizzati in conto vendita, perché giornalisti e politici possano sentire la voce del futuro!

Il mercato degli acquisti di seconda mano, infatti, sta diventando sempre più determinante per il nostro domani, perché è un tipo di commercio ecosostenibile grazie al quale evitiamo sprechi e preveniamo l'esubero dei rifiuti. Ma non solo, già oggi i benefici dell'usato sono a dir poco incredibili: è un settore anticrisi in continua crescita che crea nuovi posti di lavoro e che in Italia vale ben 18 miliardi di euro.

“Ho deciso di organizzare Usato Camp” dichiara Alessandro Giuliani, fondatore dei network Mercatopoli e Baby Bazar “per focalizzare l'attenzione sulla necessità urgente di normare il settore dell'usato in conto terzi con regole chiare ed equilibrate, in modo da permettere agli operatori professionali dell'usato di uscire dalle difficoltà derivanti dalle diverse interpretazioni normative. Il sostegno di questo mercato parte da regole chiare e da una politica fiscale equilibrata”.

Ha proprio ragione Giuliani, l'usato ha bisogno di chiarezza ed equilibrio da parte dell'amministrazione pubblica e di maggiore attenzione da parte di tutti, perché la società si renda conto che questo settore può contribuire addirittura ad un incremento delle entrate fiscali dello Stato. Usato Camp, quindi, sarà un evento importante per mettere in risalto un mondo fatto di operatori, professionisti e imprenditori impegnati e volenterosi che a gran voce chiedono normative più precise per la loro attività.

Il 23 marzo sarà l'occasione giusta per guardare il settore dell'usato con occhi nuovi, per vedere finalmente quali grandi opportunità si celano nel commercio che sta rivoluzionando il modo di approcciarsi alla vita. Scegliere l'usato di fatto ha significati precisi che possono davvero migliorare la qualità della nostra esistenza: vuol dire togliere dalle mani delle discariche i beni ancora in buono stato e che possono essere riutilizzati. Vuol dire evitare la produzione di oggetti nuovi e i danni che tale sistema provoca all'ambiente, come lo sfruttamento delle materie prime, il consumo delle risorse naturali, le emissioni di anidride carbonica e lo spreco di energia.

Servirsi dell'usato significa anche sostenere il commercio locale e dare a chiunque la possibilità di acquistare articoli di qualità a prezzi vantaggiosi e decisamente convenienti. Inoltre chi vende usato non solo guadagna denaro, ammortizzando le spese della famiglia, ma diffonde un'idea di educazione semplice e allo stesso tempo geniale, quella di aver cura delle proprie cose, di trattarle con più rispetto per poterle rivendere in futuro nel caso in cui non servano più.

La giornata dedicata a Usato Camp sarà ricca di interventi e dibattiti grazie alla presenza di numerosi relatori provenienti da tutta Italia. Inoltre l'iscrizione per partecipare è gratuita! Organizzato da Giuliani, in collaborazione con Leotron e con il patrocinio di Rete Onu, questo importante evento si terrà dalle 10.30 alle 17 al Centro Congressi Frentani, in via Frentani 4, a pochi minuti di cammino dalla stazione di Roma Termini.

Per saperne di più, iscriversi o conoscere il programma di lunedì 23 marzo basta visitare il sito ufficiale di Usato Camp: www.usatocamp.it


Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!




Ciò che fino a oggi ha limitato la vendita dell’usato è stato un problema di percezione.
Quando una persona va al ristorante non si pone la questione se il piatto in cui mangia sia stato utilizzato da qualcun altro.
Eppure se lo chiede quando acquista un abito o un mobile di seconda mano.
Ma è palpabile l’evoluzione verso questo nuovo stile di vita.
Alessandro Giuliani
su Il Salvagente