Ci sono 1 utenti on line!


Milano Giambellino: il nuovo Baby Bazar lombardo!
Martedì 17 Dicembre 2013
Monica Ferraccioli

E’ arrivato a Milano, in via Giambellino, uno spazio tutto nuovo dedicato al mondo dell’infanzia, in cui trovare articoli per la puericoltura, giocattoli, abbigliamento per bambini e premaman. Si chiama Baby Bazar ed è più di un semplice negozio.

Sì, perché alla base del successo del punto vendita Baby Bazar Milano Giambellino c’è il concetto del riuso: i capi e i prodotti esposti sono usati e in ottimo stato, garanzia di un risparmio considerevole. Inoltre, presso il negozio è possibile vendere giocattoli e vestiti dei propri figli, ottenendo in cambio un guadagno in contanti.

La selezione degli articoli viene svolta con cura e professionalità dai titolari, Manuela e il figlio Fabio, che hanno deciso di avviare quest’attività determinati a diffondere la sensibilità verso un comportamento, il riuso, nel quale loro credono molto. “Ho sempre cercato di trasmettere alla mia famiglia – racconta Manuela - una certa educazione nel consumo, così da evitare il più possibile gli sprechi. In particolare, quando Fabio era piccolo apprezzavo molto se qualche parente o qualche amica mi passava giochi o vestiti di suo figlio: spesso erano ancora nuovi, Fabio era felice perché aveva qualcosa di nuovo e noi altrettanto, perché risparmiavamo un bel po’.”. “Sono d’accordo, - aggiunge Fabio - e con piacere affianco mia madre in questa avventura. Il settore è sicuramente interessante, specie per chi, come me, si sta avvicinando in questo momento al mondo del lavoro.”

Quanti giochi vengono abitualmente stivati nelle mansarde e quanti vestiti vengono inscatolati, in attesa dell’arrivo di un altro figlio, con il rischio di doverli buttare dopo alcuni anni senza essere riusciti a usarli? In una città come Milano, per di più, in cui la maggior parte delle famiglie vive in appartamento, spesso ci si trova a dover buttare le cose dei propri figli ancora in ottimo stato, in quanto mancano gli spazi per conservarle.

Ora la questione non si pone più: i genitori possono portare a Baby Bazar Milano Giambellino i giocattoli funzionanti e i capi d'abbigliamento usati dei propri figli. Manuela e Fabio li controlleranno e li selezioneranno per esporli nel proprio negozio.

In questo modo le mamme e i papà potranno ottenere un guadagno diretto in contanti! Non solo, ma avranno anche a disposizione una vasta gamma di articoli tra cui scegliere, per acquistare giochi o vestiti a prezzi ridotti del 50-70% rispetto al nuovo.

E con la card nazionale, accedendo al sito My Baby Bazar, sarà possibile conoscere in tempo reale lo stato dei propri articoli ed essere informati sui nuovi arrivi presso il punto vendita. Quindi, un comportamento antico sembra essere la soluzione per risolvere problemi modernissimi? Proprio così, riuscire a integrare nella vita quotidiana una maggiore attenzione verso il riuso può contribuire sensibilmente ad aiutare le famiglie, sia dal punto di vista economico, sia dal punto di vista sociale. Riuso, in fondo, è rispetto: rispetto delle cose, rispetto del denaro, rispetto del lavoro. E rispetto degli altri. In particolare, per il bene dei nostri figli, saremo felici di sapere che la riduzione degli sprechi può contribuire a ridurre le emissioni in atmosfera di oltre il 10%.

Il punto vendita può essere contattato via email all’indirizzo milanogiambellino@babybazar.it, al numero di telefono 02/84193047 o attraverso il sito diretto Baby Bazar Milano Giambellino. Per maggiori informazioni è anche possibile visitare il sito nazionale di Baby Bazar.


Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!




Ciò che fino a oggi ha limitato la vendita dell’usato è stato un problema di percezione.
Quando una persona va al ristorante non si pone la questione se il piatto in cui mangia sia stato utilizzato da qualcun altro.
Eppure se lo chiede quando acquista un abito o un mobile di seconda mano.
Ma è palpabile l’evoluzione verso questo nuovo stile di vita.
Alessandro Giuliani
su Il Salvagente